Corsi Pre-Matrimoniali

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestPrint this page

Sposarsi in chiesa

Sposarsi in Chiesa è un dono di grazia che richiede una chiara coscienza delle responsabilità che si assumono. Il sacramento del Matrimonio impegna i due sposi a vivere un amore che sia segno dell’amore che Dio ha per l’uomo e dell’amore che Cristo ha manifestato dando la vita per la Chiesa sua sposa.

Un amore vissuto nell’unità, come impegno di
comunione di vita; nella fedeltà e nella
indissolubilità; nella fecondità, come apertura
alla vita nel dono dei figli e nell’aiuto al prossimo.
Ad un appuntamento così importante occorre
arrivare preparati con un cammino di fede, personale
e di coppia, vissuto nella comunità parrocchiale.

Il tempo di preparazione

Il matrimonio è un sacramento della Chiesa, un evento così bello e importante che richiede un’adeguata preparazione. Per questo motivo è necessario che la coppia svolga un itinerario di preparazione e, in particolare, partecipi ad un corso per i fidanzati. E’ bene che esso venga svolto con un congruo anticipo rispetto alla data delle nozze, perché in tal modo può essere uno stimolo di riflessione e un’occasione di confronto con altre coppie.

l fidanzati che hanno scelto di sposarsi in Chiesa devono presentarsi per tempo ai rispettivi parroci. La preparazione prossima al Matrimonio -dedicata tra l’altro agli incontri con il parroco, ai documenti, a preparare con serietà e gioia la celebrazione del sacramento – non deve essere inferiore a sei mesi

La celebrazione del matrimonio

Il matrimonio, come gli altri sacramenti, è un’azione sacra della Chiesa, che coinvolge tutta la comunità. Quindi è bene che avvenga nella parrocchia di uno degli sposi o dove la coppia andrà ad abitare, e con la più ampia partecipazione possibile della comunità.

La celebrazione liturgica è un gesto sacro: la preparazione dell’ambiente, i riti, i canti, il comportamento e l’abbigliamento degli sposi e dei presenti, tutto deve esprimere spirito di fede e di preghiera.
Occorre anche tenere presente la particolarità dei tempi di Avvento e di Quaresima.
Gli sposi curino il decoro e la sobrietà: la bellezza della celebrazione non dipende dallo sfarzo, ma dalla disposizione interiore e dalla partecipazione attiva e consapevole di tutti i presenti. In occasione della celebrazione si tenga conto anche del dono per le necessità della Chiesa e dei poveri; l’offerta è libera; è vietata qualunque tariffa, in qualunque chiesa, anche come “rimborso spese”.

Preparazione del rito

Il “rito del matrimonio” prevede un’ampia possibilità di scelta per quanto riguarda sia le letture che i gesti: è necessario che la celebrazione venga preparata in tutti gli aspetti con il sacerdote che presiederà la liturgia nuziale, nel rispetto delle norme liturgiche.

Non si introduca nulla di profano o di meno conveniente al culto divino. Se si stampa un libretto con i testi e i canti, vengano riprodotti fedelmente i testi liturgici.

Il Matrimonio va preparato soprattutto nella preghiera e con il sacramento della confessione; nella preparazione siano coinvolti, possibilmente, anche i testimoni e i familiari.

Preparazione dell’ambiente

L’interno della chiesa si presenti a festa. La disposizione dell’ambiente e gli arredi, come l’inginocchiatoio e l’eventuale guida, siano uguali per tutte le coppie.

La zona dell’altare deve restare libera, senza intralci di persone o cose (composizioni floreali eccessive, attrezzature per riprese, ecc.)

Per rispetto della sacralità del luogo e del rito, siano del tutto evitate manifestazioni volgari o di cattivo gusto, anche all’esterno della chiesa e all’uscita degli sposi.

Musiche e canti

Musiche e canti dovranno essere di carattere liturgico. Eventuali esecuzioni di cantori solisti o di strumenti musicali “a solo” (marce nuziali o simili) possono essere fatte prima del canto iniziale e dopo la conclusione della celebrazione.

Fotografi

l fotografi si attengano alle disposizioni diocesane. Per il rispetto del luogo e del rito, è necessario che vengano scelti i fotografi che sono in possesso dell’attestato di partecipazione al corso diocesano.

E’ proibito eseguire fotografie durante la Liturgia della Parola (letture e omelia) e durante tutta la Preghiera Eucaristica (dal Santo al Padre Nostro). E’ consentito eseguire fotografie ai soli sposi durante la loro Comunione, senza prolungare le riprese durante la distribuzione della Comunione ai fedeli.

Fiori

Ai fiori provvedono normalmente gli sposi. L’addobbo floreale deve rispettare l’ambiente e il tempo liturgico e rispondere a criteri di semplicità e buon gusto. I fioristi prendano accordi dettagliati con il parroco, che darà le indicazioni cui attenersi.

Il rito del Matrimonio

La celebrazione del Matrimonio può avvenire nella S. Messa o nella Liturgia della Parola.

l momenti salienti del rito del Matrimonio sono:

Memoria del battesimo, possibilmente presso il fonte battesimale.

Interrogazioni prima del consenso

Vi è la possibilità di scegliere fra due formule.

Manifestazione del consenso

Si può scegliere tra diverse formule.

Accoglienza del consenso

Si può scegliere tra diverse formule.

Benedizione e consegna degli anelli

Benedizione nuziale

Può essere svolta dopo il Padre nostro o dopo la consegna degli anelli.

Preghiera dei fedeli e invocazione dei santi

Documenti necessari

Per ognuno degli sposi

certificato di Battesimo (presso la parrocchia dove è stato amministrato)

certificato di Cresima (presso la parrocchia dove è stata amministrata)

certificato di stato libero ecclesiastico (presso il proprio parroco, con due testimoni che conoscano lo sposo o la sposa)

Documenti comuni

esame degli sposi (si svolge separatamente presso il parroco che compie l’istruttoria matrimoniale)

pubblicazioni canoniche (richieste dal parroco che
compie l’istruttoria e fatte nelle rispettive parrocchie)

pubblicazioni civili (richieste dal parroco che compie l’istruttoria; deve essere il sacerdote della parrocchia dove risiede uno degli sposi. Gli sposi la presentano all’Ufficio di Stato Civile in Comune.

A pubblicazioni avvenute, porteranno il certificato al parroco che le ha richieste)

stato dei documenti (quando tutta la documentazione è pronta, il parroco compila lo “stato dei documenti” che gli sposi porteranno nella Cancelleria della Curia per la necessaria vidimazione e poi riporteranno al parroco che assisterà al Matrimonio)

Se ricorrono casi particolari, per i quali occorre la dispensa dell’Ordinario diocesano, gli sposi si rivolgano per tempo al Parroco; la concessione della dispensa è previa alla prosecuzione dell’istruttoria.

CALENDARIO
Corso Prematrimoniale 2015
Tutti i venerdì alle ore 21:00

Gennaio
1. Venerdì 09: Incontro di presentazione
2. Venerdì 16: Lasciare il padre e la madre
3. Venerdì 23: Dio ti chiama
4. Venerdì 30:  Un tesoro nascosto – innamoramento

Febbraio
5. Venerdì 06: Dalla coppia alla famiglia (Manuela e Sergio)
6. Venerdì 13: Il matrimonio sacramento (Don Tommaso)
7. Venerdì 20: Camminando insieme … parliamo. ( Coniugi Lo Grasso)
8. Venerdì 27: Camminando insieme … riflettiamo sulla sessualità come relazione e sulla vita come                dono. (Coniugi Loredana Giacalone e Nino Monteleone)

Marzo
9. Venerdì 06:  Film “caso mai”        
10. Venerdì 13: Liturgia Penitenziale – “Liberamente costretti”

11. Domenica 15:  “Ritiro e consegna Attestati (Dalle ore 12.00 a seguire)

 

 

N.B. Proposta: Partecipare alla messa della domenica pomeriggio a Sant’Anna

 

 

N.B. Alcune proposte

1. Farli partecipare a messa la domenica mattina o pomeriggio coinvolgendoli nelle celebrazioni

2. Si potrebbe inserire una preghiera per i fidanzati nella celebrazione

3. Qualcosa che riguardi l’accoglienza

4. Aiutare per la raccolta dei viveri

5. Dare un contributo iniziale per le spese di materiale… poi alla fine un’offerta per la parrocchia

 

 

P.S. Ritiro

  1. Invitare Giovanni e Fina
  2. fare portateco
  3. tema la mattina – condivisione piccoli gruppi -pomeriggio condivisione grande gruppo – messa – consegna attestati e firma.

Collaboratori del corso pre- matrimoniale

Giuseppe Gerardi e Vita Laudicina

Sergio Giacalone e Manuela Linares

Giovanni Nuccio e Fina Dragna