Chiesa Rettoria Madonna della Confusione

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestPrint this page
Madonna-della-Confusione

Marsala. Quadro della Madonna della Confusione

L

a devozione alla Madonna sotto il titolo della Confusione è fiorente a Marsala. Anche in questa città, nel convento e nella chiesa dei Cappuccini (dedicata alla Madonna della Pietà, oggi della Confusione), fondati nel 1571 (chiusi nel 1866. Il convento divenne casa di riposo, gestito fino al 1909 dai Cappuccini), vige il culto a Maria. L’icona è di una Madre addolorata con la testa leggermente piegata a destra, le dita incrociate e gli occhi leggermente socchiusi; davanti, su un tavolinetto, adagiati i tre chiodi della crocifissione. Attualmente, tutti i lunedì, una volta i sabati, la gente si reca per venerarla e chi ha bisogno di grazie ed è enormemente addolorato e non sa come superare la difficoltà, si rivolge a Lei la cui icona si trova in questa chiesetta, nella prima cappellina a destra di chi entra. Sotto il titolo della Chiesa della “Madonna della Confusione” si legge: «Come in tutti i conventi consimili, anche in detto tempio si venera la Vergine delle Confusioni, cioè Maria nel Mistero dei suoi dolori, e il popolo devoto accorre da qualsiasi punto della città per genuflettersi e pregare. La chiesa è ornata da pregevoli dipinti a olio e da altri oggetti (Fra’ Giuseppe da Trapani lasciò un crocifisso, un S. Giovanni e un olio del Bambino Gesù). Bello poi nel suo significato è il quadro della Madonna che presenta a Francesco l’ampolla di acqua, Non poteva poi mancare il quadro della Madonna delle Purità.

La chiesa attira i devoti di Maria per liberarli dalle confusioni della vita terrena e dalla vita purgante con la preghiera e con la fede nell’al di là guadagnato con i meriti dei dolori sofferti con rassegnazione cristiana».

A Partanna nella chiesetta attigua al Convento dei Cappuccini, fondato nel 1598, e dedicata a S. Andrea apostolo, si trovava un’effigie di grande valore della Madonna della Confusione che fu rubata dopo che il sisma del 1968 ha danneggiato la chiesetta contigua al imiterò. La chiesetta ed il convento furono chiusi nel 1866 con l’incameramento dei beni da parte dello Stato, L’immagine non era dissimile da altre icone che si trovano altrove. La Vergine ha il capo chino verso sinistra, le dita incrociate sul petto e un manto le scende dal capo per tutto il corpo.

 Cfr. Salvatore AGUECI – “La Devozione alla Madonna della Confusione” – Edizioni ASLA – pp. 56-57